Compendio sui nuovi benefici Enpam alla genitorialità

A cura del Dott. Franco Pagano (membro del CDA) pubblichiamo un brevissimo compendio sul nuovo regolamento a tutela della genitorialità. (riferimento alla Notizia già pubblicata al link http://www.ordinemedicifc.it/2017/04/06/enpam-online-il-bando-per-i-sussidi-nido-e-baby-sitter/#more-4518)

1) Maternità:

– l’indennità per gravidanza e puerperio copre i due mesi antecedenti la data presunta del parto e i tre mesi successivi alla nascita del bambino ( indennità corrisposta a prescindere dall’effettiva astensione dall’attività lavorativa)

– per dottoresse con redditi inferiori a  € 18.000,00 l’importo minimo garantito dell’indennità è di € 4.958,72 a cui  si aggiungerà un assegno di € 1.000,00

– per dottoresse con reddito superiore a € 18.000,00 l’indennità è pari all’80% di cinque dodicesimi del reddito professionale dichiarato nel secondo anno antecedente a quello di gravidanza. L’indennità massima è di € 24.793,609

2) Adozione e affidamento

– L’indennità spetta anche nel caso di adozione nazionale e internazionale e di affidamento di minori. L’indennità spetta per un periodo massimo di 5 mesi per adozione e per un periodo di 3 mesi per affidamento

3) Interruzione gravidanza

– Nel caso di interruzione dal terzo mese l’indennità è corrisposta per una mensilità, nel caso di interruzione dal sesto mese l’indennità è corrisposta in misura intera ( vedi maternità)

4) Incumulabilità

– L’indennità non è corrisposta se sussiste analogo diritto presso altre gestioni previdenziali. Qualora però tale indennità non raggiunge l’importo minimo, l’Enpam assicura un indennizzo integrativo

5) Indennità di paternità

– L’indennità prevista al punto 1) spetta anche al padre iscritto all’ENPAM per il periodo in cui sarebbe spettata alla madre in caso di  morte o di grave infermità della stessa ovvero di abbandono, nonchè in caso di affidamento esclusivo al padre

6) Gravidanza a rischio:

– Nel caso di gravi complicanze della gravidanza è prevista una specifica indennità per un massimo di sei mensilità . La misura della prestazione è fissata annualmente dal C.d.A. dell’Enpam. La prestazione è riconosciuta previa effettiva astensione dall’attività lavorativa

7) Sussidi per spese di nido e baby sitter

– Le madri potranno contare su aiuti economici per le spese di baby sitter e nido entro i primi 12 mesi di vita del bambino. L’Enpam provvederà ogni anno ad emanare un bando per  le modalità, i termini ed i limiti di fruizione di questi servizi

8) Categorie tutelate

– sono tutelate tutte le dottoresse iscritte all’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri. Le tutele sono estese anche alle studentesse del quinto e sesto anno che decidono di iscriversi all’Enpam ( per l’iscrizione si attende l’autorizzazione dei Ministeri)

9) Contributo volontario

– nel caso di assenza di contribuzione a seguito di gravidanza (maternità, aborto, gravidanza a rischio), di adozione o affidamento è possibile colmare i buchi contributivi con versamenti volontari.