notiziario3

Indagine, 84% medici favorevole a obbligo vaccini, 1 paziente su 4 contrario

(da AdnKronos Salute)  Il 68% dei pazienti e l’84% dei medici si dichiara favorevole all’obbligatorietà dei vaccini per andare a scuola voluta dal decreto in vigore da questa settimana. E’ quanto emerge da un sondaggio effettuato dal portale Dottori.it, che ha cercato di indagare come sia effettivamente percepito questo cambiamento che ha spaccato l’opinione pubblica. Quasi un paziente su quattro (23%) si è detto contrario alla nuova legge e l’8% dice di non avere ancora una posizione in merito. La percentuale dei medici contrari al decreto è più bassa e si ferma all’11%, mentre solo il 5% degli specialisti ha detto di non avere un’opinione.
Come viene percepita la vaccinazione? Tra i medici il 78% dichiara di considerarla un rischio necessario e calcolato, mentre fra i pazienti la percentuale scende al 64%. Il 18% degli utenti vede i vaccini come un rischio eccessivo per il bambino, mentre per il 15% dei medici non c’è alcun rischio. Agli specialisti inoltre è stato domandato se negli ultimi anni abbiano dovuto fronteggiare patologie causate da mancate vaccinazioni: il 59% ha risposto di non aver mai avuto casi del genere, contro il 33% che dichiara il contrario.
“Quella sulle vaccinazioni obbligatorie è una delle discussioni che, negli ultimi anni, ha coinvolto maggiormente l’opinione pubblica sui temi sanitari – dichiara Paolo Bernini, Ceo di Dottori.it – Dalle risposte al nostro sondaggio si evince come, al di là di ogni schieramento, la maggioranza di medici e pazienti sia favorevole all’obbligo delle vaccinazioni, guardando ai modelli francesi e statunitensi, Paesi dove il sistema è in vigore da diversi anni. Bisogna però prendere atto che se queste posizioni sono nette fra la comunità scientifica, fra i pazienti il fronte no-vax è più popoloso e per questo crediamo ci sia ancora molto lavoro di sensibilizzazione ed educazione da fare”.
Riguardo al tema dell’obbligo delle vaccinazioni per l’accesso a scuola, emergono maggiori differenze fra le risposte di medici e pazienti: fra i primi solo il 17% non è d’accordo con questa novità, fra gli altri la percentuale sale al 27%. E sull’ipotesi che i genitori che non vaccinano i bambini siano passibili di denuncia presso il Tribunale dei minori, il 44% dei pazienti e il 60% dei medici si è dichiarato favorevole. Giudicano questa prassi eccessiva il 38% dei pazienti e il 29% dei medici. Fra gli specialisti solo l’8% lo trova del tutto sbagliato, mentre tra gli utenti il 14% ha dichiarato di trovare errata l’idea.
Il 64% dei pazienti con bambini ha risposto di averli vaccinati non solo per le patologie obbligatorie, ma anche contro alcune malattie per cui il trattamento era facoltativo; il 26% ha optato solo per i vaccini obbligatori e il 10% dichiara di non aver vaccinato i propri figli. Ai medici è stata poi chiesta un’opinione sulla la campagna mediatica che ha preceduto il decreto: per il 70% la discussione su media e social ha influenzato molto le scelte ministeriali, accelerando comunque processi che sarebbero in ogni caso avvenuti. Per il 18% il clamore mediatico ha avuto eccessiva risonanza sulle attività del ministero, mentre solo per il 7% il decreto e i tempi di emanazione non sono stati affatto influenzati dalla discussione sulle vaccinazioni.