notiziario3

Uso terapeutico della cannabis

(da  Univadis  - a cura di Marco Cambielli e Paolo Spriano – MMG Varese e Milano) L’uso medico della cannabis e dei suoi componenti è legale in diversi Paesi europei, tra cui l’Italia, dove dal 2013 è autorizzata come medicinale per il trattamento dei sintomi da spasticità grave e moderata in pazienti adulti, dovuta a Sclerosi Multipla (SM). Il suo impiego nelle altre patologie per cui è stata proposta si basa su  deboli dimostrazioni di efficacia, in particolare per alcuni sintomi legati alla patologia neoplastica, la malattia di  Alzheimer, il disturbo da stress post traumatico, l’epilessia e il glaucoma. I dati relativi alla sua sicurezza sono al momento insufficienti e non esistono informazioni specifiche sulle reazioni avverse dovute al suo impiego medico. Al contrario sono noti gli effetti collaterali più comuni associati all’uso ricreativo della cannabis e ad un suo sovraddosaggio che, in alcuni casi, comporta conseguenze serie, dalla psicosi alla depressione severa. 
Leggi tutto
notiziario3

Costringere un medico a redigere un certificato di malattia è violenza

Costringere il medico curante a rilasciare un certificato medico per una malattia insussistente può integrare il reato di minaccia a pubblico ufficiale. Lo ha stabilito il Tribunale di Trento, Sezione penale, nella sentenza n. 346 del 3 maggio 2016.  Una donna, presentatasi dal suo medico di famiglia per un certificato medico, insisteva con la dottoressa affinché rilasciasse certificazione di 15 giorni di malattia, nonostante la stessa, a fronte dei sintomi descritti dalla paziente, riteneva non fossero diagnosticabili più di 5 gg. di malattia.
Leggi tutto
notiziario

Fnomceo, presto un sito anti-bufale. Due morti per il metodo Hamer

Un sito 'anti-bufale' in sanità, per smascherare le 'false cure' e lanciare allarmi quando è necessario. In modo da aiutare i cittadini a difendersi dai ciarlatani ed evitare anche le tante tragedie raccontate delle cronache, ultima delle quali la morte della 18enne che ha rifiutato la chemioterapia per seguire una cura alternativa. E' l'idea allo studio della Federazione nazionale degli Ordini dei medici de degli odontoiatri (Fnomceo) che appronterà un gruppo di studio ad hoc, con l'obiettivo di contrastare i ciarlatani, proprio sul web dove 'navigano' quasi incontrastati e le loro teorie moltiplicano i seguaci.
Leggi tutto
notiziario3

Divano killer, 5 mln l’anno i morti di pigrizia

(da  AdnKronos Salute) Pigri da morire. Accade a 5 milioni di persone l'anno nel mondo occidentale, uccise dalla sindrome del 'divano killer'. A rilanciare l'allarme sedentarietà, un'epidemia che rappresenta la quarta causa di mortalità e disabilità in Occidente, sono gli esperti riuniti a Roma per il Congresso 2016 della Società europea di cardiologia (Esc) dove è stato presentato un algoritmo salvavita: si chiama 'Pai' (Personal Activity Index) e averlo alto abbatte di quasi un quarto la probabilità di morire di cuore, rispetto a chi non fa sport. L'idea è quindi quella di inserirlo in un device indossabile durante l'attività fisica, per monitorare l'evolversi del rischio.
Leggi tutto

Certificati malattia, sentenza Cassazione declassa parere del medico curante. Dai medici fiscali giudizio negativo

(da Doctor33)   “Il mio giudizio, di medico, sulla sentenza di Cassazione che consente alla testimonianza di un detective di scavalcare il certificato del medico curante è sostanzialmente negativo”. Claudio Palombi, presidente dell'Associazione nazionale medici fiscali-Anmefi, non trova confrontabili le due situazioni, il medico fiscale in particolare indaga il solo ambito medico e nel suo sopralluogo effettua un'istantanea del paziente, mentre il detective attiva un monitoraggio protratto nel tempo.
Leggi tutto
notiziario

I temi forti per la professione odontoiatrica: intervista al Presidente Cao

L’inasprimento delle sanzioni per l’abusivismo, la riforma degli Ordini delle Professioni Sanitarie, il DDL Concorrenza, il DDL lavoroautonomo: molti sono i temi “caldi” per la Professione Odontoiatrica al centro dei lavori parlamentari di questa Legislatura. La Cao nazionale, quale organo ausiliario dello Stato, segue da vicino tutti questi versanti. Ma qual è il suo parere, nel dettaglio, sui singoli provvedimenti e norme? Marcello Fontana, responsabile dell’Ufficio Legislativo FNOMCeO, ha posto al presidente Cao Giuseppe Renzo alcune domande da “addetti ai lavori”. Leggi l'intervista
Golden scales of justice, gavel and books on brown background

Tariffe e onorari dei medici chirurghi e degli odontoiatri per prestazioni rese in regime di libera professione

La materia degli onorari professionali per le prestazioni medico-chirurgiche ed odontoiatriche è stata oggetto di “liberalizzazione” a partiredal cosiddetto “Decreto Bersani”. Infatti in precedenza, in forza della Legge 21/02/1963 n. 244 e del DPR 17/02/1992, era previsto in via normativa, un tariffario minimo per le prestazioni di cui trattasi, cui i medici e gli odontoiatri erano tenuti ad attenersi, non potendo praticare tariffe a valori inferiori a quelli previsti dalle citate norme. L’art. 2 del Decreto Legge 04/07/2006 n. 223, convertito con modificazioni nella Legge 04/08/2006 n. 248 ha però abrogato le disposizioni legislative e regolamentari che prevedevano, con riferimento alle attività libero-professionali e intellettuali, l’obbligatorietà di tariffe fisse o minime.
Leggi tutto
notiziario3

Un paziente su 5 è dimesso dall’ospedale con segni vitali instabili

(da fimmg.org) Il venti per cento delle persone ricoverate è dimesso prima che tutti i segni vitali siano stabili, un modello che è associato ad un aumentato rischio di morte e di riammissione in ospedale, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell’UT Southwestern Medical Center. Mentre i ricoveri in ospedale hanno accorciato drasticamente la loro durata nel corso degli ultimi 30 anni, sta aumentando la preoccupazione che i pazienti vengano dimessi prima che tutti i segni vitali si siano stabilizzati, mettendoli a rischio per eventi avversi dopo la dimissione.
Leggi tutto
Golden scales of justice, gavel and books on brown background

Pensioni, cosa cambia per i medici dopo l’intesa Governo-sindacati

(da Doctor33)   Come avevamo dato per ampiamente probabile, con l'accordo governo sindacati dell'altro ieri dal 2017, sempre che non ci si mettano i vincoli di stabilità europei a bloccare il pacchetto pensioni varato dalla gestione Renzi, diventerà possibile ricongiungere spezzoni di periodi lavorati anche nella gestione separata Inps. E a quanto pare, diversamente da ora, sarà fattibile a titolo non oneroso, anche se l'impatto della non onerosità sull'ente previdenziale degli italiani è tutto da verificare.
Leggi tutto
fotolia_60091278

Ecm, arriva lo sviluppo continuo

(da Doctor33)  Modificare l'attuale sistema di formazione continua, per renderlo più idoneo alla rivalidazione delle competenze acquisite da medico e odontoiatra: è la proposta emersa al convegno organizzato a Bari da Fnomceo sul tema Ecm. In un articolo esplicativo sul portale della Federazione, Sergio Bovenga, membro del Comitato Centrale, ha chiarito che il nostro Paese va verso il Continuous Professional Development, una forma evoluta di educazione continua, sulla scia di quanto avviene negli altri Paesi Europei e della Francia che nel 2016 ha varato un programma su 1,7 milioni di sanitari mutuando le indicazioni delle direttive dell'Unione Europea sulla libera circolazione dei professionisti. Ma perché emanciparsi dall'ECM se ancora una parte dei medici non riesce a colmare i fabbisogni formativi del triennio?
Leggi tutto

Visite fiscali, chiarimenti da ministero del Lavoro su certificati e codici da apporre

(da Doctor33)  Da fine gennaio può accadere che al medico di famiglia il paziente visitato a casa o in studio, in genere per qualcosa di più di un'influenza, chieda di apporre il codice E sul certificato medico di malattia da spedire all'Inps. Quel codice, che va apposto dopo aver esaminato con attenzione la documentazione sanitaria prodotta da specialisti e/o struttura ospedaliera, dice che il paziente deve seguire terapie salvavita. Che però devono essere ancora definite. E pertanto non è assoggettato alle regole sulle visite fiscali degli altri lavoratori assenti per malattia.
Leggi tutto

Niente patente per chi soffre di apnee notturne

(da DottNet)  Non potrà  avere la patente nè rinnovarla chi soffre di apnee notturne o disturbi neurologici. E' quanto prevede il decreto del ministero delle Infrastrutture, che recepisce una direttiva europea dello scorso anno e che obbligherà  coloro che richiederanno il rilascio della patente per la prima volta o quelli che dovranno rinnovarla, a sottoporsi a test medici sulla presenza della sindrome delle apnee ostruttive del sonno, il cui acronimo universalmente utilizzato è Osas.
Leggi tutto

Consiglio di Stato annulla multa a Fnomceo su pubblicità medici

(da AdnKronos Salute)  Il Consiglio di Stato, pur non entrando nel merito, ha accolto l'appello della Federazione degli Ordini dei medici (Fnomceo) contro la maxi multa inflitta dall'Autorita Garante della concorrenza e del mercato nel settembre del 2014, per le norme deontologiche che regolano la pubblicità  informativa dei medici e degli odontoiatri. Secondo la Federazione l'Authority aveva attivato il procedimento dopo il decorso del termine di prescrizione, considerando che gli atti sulle misure regolatorie della pubblicità sanitaria contestate dall'Agcom sono state promulgate dalla Fnomceo in un periodo temporale che precede di oltre un quinquennio l'adozione del provvedimento sanzionatorio. Accogliendo l'appello, il Consiglio di Stato ha di fatto annullato la multa di 831.816 euro comminata alla Federazione.
Leggi tutto

730 precompilato, dal Garante privacy i chiarimenti per medici e dentisti

Né i commercialisti né gli sportelli del Fisco potranno vedere i dati sanitari dei cittadini contenuti nelle fatture 2015, dati che medici e dentisti entro il 9 febbraio sono tenuti a spedire al Ministero dell'Economia (Mef) per la pre-compilazione dei modelli 730. Solo i pazienti interessati potranno accedere alle proprie spese sanitarie munendosi di tessera sanitaria o linkandosi al portale Fisconline con credenziali apposite. Così risponde il Garante della Privacy con protocollo 1887 del 26 gennaio 2016 a varie associazioni istituzionali (tra cui psicologi e infermieri, non tenuti a spedire i dati). L'Authority ricorda che l'incombenza spetta a strutture sanitarie accreditate, iscritti all'albo medici-odontoiatri e farmacie. Quindi individua specifiche misure da utilizzare nel trattamento, da divulgare a tutte le parti interessate ed ai cittadini innanzi tutto.
Leggi tutto

Garante privacy approva nuovo sistema informativo. Ecco come funziona

(da Doctor33 - Avv. Monica Gobbato)  È del 4 febbraio il parziale Parere favorevole [doc. web n. 4630606] del Garante privacy ad uno schema di decreto del ministero della Salute che riguarda l'istituzione del sistema informativo per il Monitoraggio della Rete di Assistenza (Mra), nell'ambito del Nuovo Sistema Informativo Sanitario (Nsis). Parziale perché condizionato ad alcune modifiche e integrazioni. Il sistema Mra ha l'obiettivo di favorire la razionalizzazione della spesa e di informare i cittadini sulla rete di assistenza sanitaria nel nostro paese. Il Mra opererà istituendo un'unica anagrafe di riferimento di tutte le strutture della rete sanitaria (Asl, strutture di ricovero autorizzate, strutture territoriali accreditate, farmacie pubbliche e private convenzionate, medici e pediatri di libera scelta convenzionati con il Sistema sanitario nazionale).
Leggi tutto
1 9 10 11 12