IF YOU NEED A DOCTOR ? MAKE AN APPOINMENT NOW!

Build an amazing and professional website with Apicona. We hope that you enjoy it.

HEALTH INFORMATION

Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et et dolore te feugait nulla facilisi.

MEDICAL TREATMENT

Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et et dolore te feugait nulla facilisi.

CARDIO MONITORING

Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et et dolore te feugait nulla facilisi.

Take your place And Resereve now in our hospital !

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco.

  • Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur
  • Adipisicing elit, sed do eiusmod tempor
  • Incididunt ut labore et dolore magna aliqua
  • Sed do eiusmod tempor
  • Aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis
  • Nostrud exercitation ullamco laboris nisi
  • Ut aliquip ex ea commodo consequat
  • Exercitation ullamco laboris nisi

LATEST NEWS

Arresto cardiaco: sintomi “premonitori” diversi per uomini e donne

(da Quotidiano Sanità)    Circa una persona su due che va incontro ad arresto cardiaco accusa sintomi significativi 24 ore prima dell’evento. Sintomi che sono diversi tra uomini e donne, con i primi che avvertono dolore al petto e le seconde un’improvvisa mancanza di respiro. Alcuni sottogruppi di entrambi i sessi, invece, accusano palpitazioni, attività simil-convulsivante e sintomi simil-influenzali.  È quanto emerge da una ricerca condotta da scienziati dello Smidt Heart Institute Cedars-Sinai (USA), guidate da Sumeet Chugh, e pubblicata dal 'The Lancet Digital Health'.

Lo studio     Il team ha preso in considerazione due studi sviluppati dagli stessi ricercatori: lo studio Prediction of Sudden Death in Multi-Ethnic Communities (PRESTO) – condotto in California su 823 persone – e l’Oregon Sudden Unexpected Death Study (SUDS). Entrambe le ricerche hanno raccolto dati dalla comunità per prevedere al meglio l’arresto cardiaco improvviso. In questi studi è stata valutata la presenza dei sintomi individuali e dei sintomi complessivi segnalati prima dell’arresto cardiaco improvviso. Le informazioni raccolte sono state confrontate con quelle ottenute da gruppi di controllo che avevano richiesto assistenza al pronto soccorso.  “Considerare i sintomi premonitori per eseguire il triage potrebbe portare a un intervento precoce e a prevenire la morte”, sottolinea Sumeet Chugh, secondo il quale i risultati della ricerca “potrebbero portare a un nuovo paradigma per la prevenzione della morte cardiaca”.

Lo studio pubblicato dal The Lancet Digital Health apre la strada a ulteriori studi prospettici che potranno combinare i sintomi con altre caratteristiche, per migliorare la previsione dell’arresto cardiaco improvviso.

(https://www.thelancet.com/journals/landig/article/PIIS2589-7500(23)00147-4/fulltext)

100

AWARD SHOWS

625

CLINIC ROOMS

500

OUR STAFF

256

MACHINES