Asst-valcamonica:avviso pubblico per la formazione della graduatoria per assunzioni a tempo determinato nella qualifica di Dirigente Medico – Area medica e delle specialità mediche – Disciplina: Malattie dell’apparato respiratorio

Si comunica che questa Azienda Socio Sanitaria Territoriale ha emesso Avviso pubblico per la formazione della graduatoria per assunzioni a tempo determinato nella qualifica di Dirigente Medico - Area medica e delle specialità mediche - Disciplina: Malattie dell'apparato respiratorio, con scadenza 18.3.2024.

Si chiede cortesemente di darne adeguata pubblicità.
Il bando, che per comodità si trasmette in allegato, è reperibile sul sito internet aziendale alla sezione Concorsi dell'Amministrazione Trasparente.
Per informazioni: Tel. 0364/369938.
Distinti saluti.

-

M.Francesca Cocchetti
ASST della Valcamonica
S.C. Gestione e Sviluppo Risorse Umane
Settore reclutamento e Gestione delle Risorse Umane
Ufficio Concorsi e Politiche del Personale
Tel: 0364/369938
protocollo@pec.asst-valcamonica.it
www.asst-valcamonica.it

Schillaci: lo scudo penale per i medici deve diventare strutturale

(da Ansa.it)   «Tra un mese circa la cosiddetta commissione Nordio terminerà i propri lavori. Credo che sia necessario rendere strutturale il provvedimento dello scudo penale per la responsabilità penale dell'atto medico, che ora è esteso a tutto il 2024, anche sulla base delle conclusioni della commissione». Lo ha detto il ministro della Salute, Orazio Schillaci, rispondendo alle domande in audizione in commissione Affari sociali alla Camera nell'ambito dell'indagine conoscitiva sulla Medicina di emergenza ed i Pronto soccorso. Rispetto alle cause temerarie, ovvero senza fondamenti effettivi, «sono uno degli aspetti su cui la commissiona sta lavorando per cercare di disincentivare appunto il ricorso alle cause», ha sottolineato Schillaci. Tutto questo, ha concluso, «va a favore dei cittadini. Oggi, per la medicina difensiva, si fanno troppi esami spesso inutili».

Rideterminazione delle scadenze di trasmissione telematica dei dati al Sistema Tessera Sanitaria

(da fimmg.org)   Com’è noto, ai sensi dell’art. 7, comma 1, del D.M. 19.10.2020 – come modificato dal D.M. 16.02.2023 -  la trasmissione dei dati delle spese sanitarie al Sistema Tessera Sanitaria, ai fini della predisposizione delle dichiarazioni dei redditi precompilate da parte dell’Agenzia delle entrate, avrebbe dovuto essere mensile a far data dal 1° gennaio 2024 .   Tale disposizione normativa è stata espressamente abrogata dall’art. 2, comma 2, del D.M. 8.02.2024, senza, di fatto, divenire mai operativa.

Conseguentemente, a far data dal 1° gennaio 2024, per effetto dell’entrata in vigore dell’art. 12 del d. Lgs. 8 gennaio 2024 - c.d. Decreto Adempimenti – i dati relativi alle spese sanitarie devono essere trasmessi, in modalità telematica, con una cadenza semestrale .

La tempistica di trasmissione è stata, invece, disposta con il D.M. 8 febbraio 2024, il quale, introducendo  nel corpo dell’art. 7 del D.M. 19.10.2020, il comma 1-bis, ha disposto che, a far data dal 1° Gennaio 2024, la trasmissione al Sistema Tessera Sanitaria deve avvenire :

a)     per le spese sanitarie sostenute nel 1° semestre – periodo gennaio/giugno - del medesimo anno, entro il 30 settembre;

b)     per le spese sanitarie sostenute nel secondo semestre – periodo luglio/dicembre – entro il 31 gennaio dell’anno successivo.

Ema: meno batteri resistenti in Paesi che riducono antibiotici

(da AGI)   I Paesi che hanno ridotto il consumo di antibiotici sia negli animali che negli esseri umani hanno visto una riduzione dei batteri resistenti agli antibiotici. Lo afferma il quarto rapporto congiunto sull''analisi integrata del consumo di agenti antimicrobici e della comparsa di resistenza antimicrobica (AMR) nei batteri provenienti da esseri umani e animali da produzione alimentare (JIACRA IV), pubblicato dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. (ECDC), l''Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e l''Agenzia europea per i medicinali (EMA). Adottando un approccio One Health, che riconosce la connessione tra la salute delle persone e degli animali, il rapporto presenta dati raccolti principalmente tra il 2019 e il 2021 sul consumo di antibiotici e sulla resistenza antimicrobica in Europa.